Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Sabato 08/07/2017
 
 

Il Prometeo ”tragedia dell’ascolto” conclude la stagione operistica

 
  (Archivio)  
 

La musica di Luigi Nono riempie il Teatro Farnese

 
 
 
     
   
       
   
 

A quasi 20 anni dall’ultima rappresentazione italiana, il Teatro Regio di Parma ha concluso la stagione lirica 2017 con l’esecuzione al Teatro Farnese del Prometeo di Luigi Nono.
Scelta coraggiosa e controcorrente quella di chiudere un cartellone operistico con quella che è l’esatta antitesi di un’opera. Nel Prometeo l’autore ha infatti deliberatamente rinunciato ad ogni componente teatrale e visiva basandosi esclusivamente sul suono.

 
     
 

Lo spettatore viene immerso in uno spazio acustico in cui i suoni non provengono da una sola direzione ma letteralmente lo circondano grazie alla disposizione delle quattro orchestre, ciascuna ad un punto cardinale, e all’opera di spazializzazione sonora compiuta attraverso i live electronics.
Prometeo è quindi “tragedia dell’ascolto” allo stato puro; infatti oltre all’immagine mancano sia il dramma che il racconto, e la stessa parola recitata, su testi di Massimo Cacciari, perde la sua funzione chiarificatrice per trasfigurarsi in fonema astratto.
Anche la musica non prevede un’esecuzione lineare, ma spesso tende a dissolversi, sfaldarsi, o coagularsi in sonorità che vanno da pianissimi ai limiti della percettibilità a fortissimi deflagranti. Tutto è  finalizzato all’idea di tornare ad un “ascolto originario” in cui il suono si fonde con il luogo d’esecuzione, come accadeva originariamente con le musiche di Bach e Gabrieli concepite appositamente per le chiese in cui venivano suonate.

La produzione, che ha richiesto uno sforzo importante da parte del Teatro Regio ha permesso al pubblico di entrare in contatto con una delle partiture fondamentali del nostro passato recente.
L’esecuzione ascoltata a Parma basata sull’edizione critica curata da André Richard e Marco Mazzolini -e sembra strano sentir parlare di edizione critica per una partitura che ha poco più di 30 anni- si è avvalsa della direzione di Marco Angius, uno dei nostri massimi interpreti di musica del Novecento, come abbiamo avuto modo di apprezzare anche nella recente Kát’a Kabanová torinese, mentre I live electronics erano sotto la supervisione di Alvise Vidolin, storico collaboratore di Nono, presente anche alla prima veneziana del 1984.

L’orchestra filarmonica Arturo Toscanini ha seguito con meticolosa precisione le indicazioni del direttore dando prova di grande duttilità.
Impeccabile come sempre anche la prova fornita dal coro del Teatro Regio diretto da Martino Faggiani, delle voci soliste Livia Rado, Alda Caiello, Katarzyna Otczyk, Silvia Regazzo, Marco Rencinai e dei due attori Sergio Basile e Manuela Mandracchia.

Non tutti nel pubblico hanno percepito l’importanza dell’evento, infatti se nel finale gli applausi sono stati convinti e sinceri, più di uno spettatore ha abbandonato il teatro durante l’ora e tre quarti di spettacolo.

Davide Cornacchione 27/05/2017

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/05/2008  
Un Attila minimalista conclude la stagione lirica al Filarmonico  
  La partitura giovanile di Giuseppe Verdi proposta in un allestimento e...  
     
  01/05/2008  
“Nixon in China” finalmente in Italia  
  La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Parma
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...