Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Venerdì 27/10/2017
 
 

Un ottimo allestimento di Jérusalem firmato da Hugo de Ana inaugura il Festival Verdi

 
 

Il riscatto del Verdi francese

 
 
 
     
   
       
   
 

Jérusalem è l’opera che segna il debutto di Giuseppe Verdi all’Opéra di Parigi e, come accadrà anche per altri titoli francesi, è la rielaborazione di un’opera italiana, nello specifico I Lombardi alla prima crociata.
È molto interessante che il Festival Verdi di Parma abbia deciso di inaugurare l’edizione 2017 con l’edizione critica curata da Jürgen Selk di questo titolo pochissimo rappresentato, non solo in Italia, ed ancora più interessante che sia stata annunciata per la prossima edizione una nuova produzione di Le Trouvère, a conferma di un percorso di riscoperta dei Grand Opéra del cigno di Busseto.

 
     
 

Spesso considerato con sufficienza come un semplice rifacimento dei Lombardi, il primo Grand Opéra scritto da Verdi, oltre ad essere a tutti gli effetti capostipite di capolavori quali Les vêpres siciliennes e Don Carlos, per tacere della seconda versione di Macbeth, per molti aspetti può rivendicare il riconoscimento di opera autonoma. Il libretto infatti non è la traduzione dell’originale italiano, ma è stato riscritto ex novo in funzione della nuova trama ed anche per quanto riguarda l’aspetto musicale, le aggiunte e gli spostamenti delle singole scene ne modificano sostanzialmente l’impianto.
Per questa nuova edizione il Teatro Regio ha scelto di affidarsi al talento di Hugo de Ana che, come di consueto firma regia scene e costumi di uno spettacolo sostanzialmente tradizionale ma esteticamente bellissimo.

Il regista argentino si attiene alla drammaturgia originale mantenendo l’ambientazione medievale e ad apertura di sipario viene proiettata su un velario di proscenio la bolla di Urbano secondo che, concludendosi con un minaccioso “Deus vult”, sanciva l’inizio della prima crociata.
Le videoproiezioni costituiscono una parte importante di questo allestimento, usate sia durante i cambi scena, sia in sinergia con le ricche scenografie per aumentarne ulteriormente l’impatto visivo. Dalle vetrate delle cattedrali gotiche si passa alle assolate atmosfere del deserto, la cui luce muta a seconda dell’evolversi dell’azione per giungere alla bellissima penombra della scena del processo in un continuum di splendidi tableaux vivants che si avvalgono dell’ottimo progetto luci di Valerio Alfieri. I costumi, come sempre curatissimi e sfarzosi impreziosiscono ulteriormente l’insieme.
La regia di De Ana scorre in maniera abbastanza fluida e convenzionale. Se da una parte questa scelta limita l’approfondimento sui singoli personaggi, dall’altra ha il pregio di rendere lineare la narrazione di un testo la cui trama è già di suo abbastanza farraginosa.

Dal punto di vista musicale spicca, come nel Don Carlo inaugurale dello scorso anno, la prova maiuscola di Michele Pertusi, un Roger autorevole, dotato di un timbro splendido che gli consente una notevole varietà di fraseggio e gli permette di creare il personaggio più sfaccettato dell’intero cast. Meritatissime le ovazioni al termine dell’aria Ô jour fatal all’inizio del secondo atto.
La voce di Annick Massis dà a volte l’impressione di essere un po’ chiara per il ruolo di Hélène, tuttavia la cantante si distingue per la nobiltà di fraseggio ed ottiene un meritato successo personale al termine dell’aria Quelle Ivresse.
Buon fraseggiatore, robusto nei centri ma con qualche difficoltà nell’acuto, Ramón Vargas delinea un Gaston eroico e volitivo che eccelle nella scena della degradazione.
Fieramente nobile il Visconte di Tolosa di Pablo Galvez, mentre Massimiliano Catellani è un robusto emiro.
Valentina Boi è un’Isaura luminosa, Paolo Antognetti uno squillante Raimond, Matteo Roma un funzionale Ufficiale mentre Francesco Salvadori si disimpegna nel doppio ruolo dell’Araldo e del Soldato.

Daniele Callegari, alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini riesce a creare un buon equilibrio tra la scrittura italiana e le esigenze parigine della partitura, optando per una lettura che si distingue per compattezza e fluidità, valorizzando anche i ballabili del terzo atto validamente coreografati da Leda Lojodice.
Come sempre impeccabile la resa del coro del teatro Regio diretto da Martino Faggiani.
Applausi convinti da parte del pubblico che esauriva il teatro.

Davide Cornacchione 12 ottobre 2017

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  27/10/2017  
Il riscatto del Verdi francese  
  Un ottimo allestimento di Jérusalem firmato da Hugo de Ana inaugura il...  
     
  22/10/2017  
Stiffelio: tutti partecipanti, nessuno escluso.  
  Geniale e coinvolgente la regia di Graham Vick al Teatro Farnese in oc...  
     
  08/10/2017  
Indimenticabile Salonen al Settembre dell’Accademia  
  Il direttore finlandese alla testa della Philharmonia Orchestra in una...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Parma
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...