Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Giovedì 03/05/2018
 
 

Al Teatro Filarmonico riscuote un caloroso successo il titolo donizettiano nello sfarzoso allestimento del 2007

 
 

Sempre attuale l’Anna Bolena di Vick

 
 
 
     
   
       
   
 

Torna al Filarmonico a distanza di dieci anni l’Anna Bolena di Gaetano Donizetti nell’elegante produzione firmata da Graham Vick nella regia e da Paul Brown nelle scene ed i costumi. Si tratta di un allestimento dai tratti fortemente simbolici, dominato da suggestivi tableaux vivants, all’interno dei quali i movimenti dei protagonisti sono estremamente misurati e improntati più all’introspezione che all’azione.

 
     
 

Il repertorio belcantistico, è risaputo, costringe ad una certa staticità, dato che l’aspetto musicale domina incontrastato su quello drammatico, soprattutto quando, come in questo caso, si sceglie di rappresentare la partitura in versione integrale. Ciò non toglie che, a distanza di due lustri, lo spettacolo sia ancora estremamente godibile ed appaghi sempre l’occhio. L’idea registica si basa su due pedane rotanti che sono alla base della composizione delle singole scene, a loro volta caratterizzate da alcuni elementi di grande impatto: due cavalli rampanti sui quali si incontrano i sovrani, la dea Fortuna bendata, una spada che divide a metà il palcoscenico a rappresentare l’imminente condanna a morte di Anna e degli altri accusati. Molto bella la sequenza finale, introdotta dal coro sotto una pioggia di coriandoli rossi, in cui Anna sulla pedana centrale assiste alle nozze di Enrico e Giovanna attraverso un vetro rotto.

All’interno di questa sontuosa cornice si esibisce un cast che, pur non riuscendo a rinnovare i fasti della prima di dieci anni fa (Devia, Pertusi, Polverelli, Meli), ottiene un risultato ragguardevole.
Irina Lungu possiede un timbro omogeneo, morbido nel centro e sicuro nell’acuto che le consente delineare una Bolena dolente e malinconica, quale è poi il ritratto che ne fanno Romani e Donizetti. Se nella prima parte le mancano l’autorità ed il carisma necessari per affermarsi come regina, nel secondo atto e soprattutto nella scena finale, trova i giusti accenti per coglierne il lato più intimo e profondo.
Nonostante un’indisposizione annunciata Annalisa Stroppa tratteggia una Giovanna Seymour intensa e volitiva. La voce è limpida e squillante e l’interpretazione è di gran classe. Mirco Palazzi è un Enrico VIII dai centri ben definiti, vario nel fraseggio ma a volte opaco negli acuti. Al contrario il Lord Percy di Antonino Siragusa si caratterizza per acuti squillanti e perfettamente timbrati ma non sempre supportati da un altrettanto incisivo registro medio-grave. Chiamata in sostituzione dell’indisposta Martina Belli, Manuela Custer si disimpegna egregiamente nel ruolo di Smeton, mentre efficaci sono il Rochefort di Romano Dal Zovo e il Sir Harvey di Nicola Pamio.
Jordi Bernàcer ha diretto in modo appropriato ma senza dare mai l’impressione di toccare il cuore della partitura. Nonostante la lettura tendesse ad esaltare più l’aspetto romantico, rispetto alla tradizione rossiniana, mancavano quei colori e quegli accenti necessari per darle una vera e propria caratterizzazione. Buona la prova del coro diretto da Vito Lombardi. Al termine applausi calorosissimi da parte del pubblico che esauriva il Teatro Filarmonico.

 

Davide Cornacchione 29 aprile 2018

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  19/08/2018  
Anna Calvi, un mix di bravura e sensualità #vistalago  
  Raffinato concerto al festival Tener-a-mente  
     
  19/08/2018  
Piazza Loggia accoglie Fabrizio Moro un grande cuore rock  
  Quarto appuntamento del Brescia Summer Festival  
     
  19/08/2018  
Yann Tiersen, in punta di piano cala il sipario al Tener-a-Mente18  
  Ultimo appuntamento della rassegna estiva con il celebre musicista fra...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...