Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 10/06/2018
 
 

Allestimento in chiave moderna del capolavoro di Richard Strauss al Teatro Filarmonico

 
 

Salome tra psicanalisi ed erotismo

 
 
 
     
   
       
   
 

Capolavoro musicale dello jugendstil, Salome di Richard Strauss ha concluso la stagione invernale del Teatro Filarmonico. Nonostante la vicenda sia ambientata nella Gerusalemme del primo secolo dopo Cristo, l’opera racchiude in sé le caratteristiche del decadentismo di fine ‘800 di cui è l’emblema. Strauss, nel musicare il dramma di Oscar Wilde, compone una musica che esalta la sessualità morbosa che lo pervade, in una partitura estremamente virtuosistica che all’epoca venne considerata fin troppo audace e suscitò più di una perplessità. Assurto ormai all’olimpo dei classici, questo titolo costituisce invece il primo tassello di quella rivoluzione in campo operistico che proseguì con le sconvolgenti e fino allora inaudite sonorità della successiva Elektra.

 
     
 

Questo allestimento, l’unico nuovo dell’appena conclusa stagione invernale della Fondazione Arena, era firmato per la regia da Marina Bianchi, che interpreta la vicenda in chiave erotico-psicanalitica, ambientandola in una dimensione atemporale. Se infatti le scene di Michele Olcese rimandano ad un palazzo di stile classico, ornato da colonne, gli arredi rimandano alla Vienna della Secessione mentre i costumi di Giada Masi che includono sia gli anfibi e le magliette a rete degli armigeri che la tunica di Erode, non sono filologicamente riconducibili ad un’epoca precisa. La regista, che inserisce anche una danzatrice a creare una sorta di doppio di Salome, insiste molto sulla componente erotica della vicenda, sottolineando il desiderio morboso di Erode nei confronti della figlia adottiva e abbozzando relazioni omosessuali sia tra il Paggio e Narraboth che tra le due androgine ragazze che fungono da guardia del corpo di Salome. In netto contrasto incombe la figura di Jochanaan il cui volto viene proiettato sul fondale ogni volta che se ne sente la voce dall’interno della prigione. Soluzione che non aggiunge molto, come peraltro abbastanza didascalico è apparso in generale l’uso delle videoproiezioni in questo allestimento.

Il ruolo del titolo era interpretato da una carismatica Nadja Michael, che, seppur non sempre a suo agio nel registro acuto, si è distinta per un fraseggio espressivo ed una fisicità notevole che le ha permesso di costruire un personaggio crudelmente sensuale che ha avuto il suo apice nella danza dei sette veli.
Ottima l’Erodiade di Anna Maria Chiuri, che, in una forma vocale smagliante, ha delineato una figura altera, regale ed elegantissima nel suo costume nero, cui si contrapponeva il convincente Erode di Kor-Jan Dusseljee. Vocalmente autorevole anche se non sempre scenicamente convincente Lo Jochanaan di Fredrik Zetterström, mentre ben risolto era il Narraboth di Enrico Cesari. Nicola Pamio, Pietro Picone, Giovanni Maria Palmia, Paolo Antognetti e Oliver Pürckhauer si sono ben disimpegnati nel ruolo dei cinque Giudei, come anche Belén Elvira in quello del paggio.

Sul podio Michael Balke ha optato per dinamiche estremamente accentuate, puntando su tinte corrusche ed un taglio marcatamente espressionista, ottenendo risultati interessanti, nonostante il titolo, rappresentato al Filarmonico l’ultima volta nel 2000, non sia tra quelli più frequentati dall’Orchestra della Fondazione Arena.
Il pubblico ha risposto calorosamente tributando applausi convinti a tutto il cast.

Davide Cornacchione 20/05/2018

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
 
 
 
 
     
  19/08/2018  
I Momix rinnovano il tutto esaurito Teatro Romano  
  Un lavoro di tecnica strepitosa e sapiente creatività  
     
  15/08/2018  
Dopo 25 anni Dio ride ancora  
  Debutta a Brescia il nuovo spettacolo di Moni Ovadia, ideale prosecuzi...  
     
  08/08/2018  
Misura per Misura: vince lo stile inglese  
  Bella messa in scena del raro testo shakespeariano  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...