Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 14/10/2018
 
 

Mondi, persone, pensieri, intenzioni. Non esiste distanza o differenze, esiste solo l’armonia della musica nel concerto al Teatro Filarmonico

 
 

Mahler Chamber Orchestra: la musica che unisce

 
 
 
     
   
       
   
 

Mozart, Sostakovic e Bach…. compositori distanti per epoca e origini, e allora come mai il programma del concerto di domenica 30 Settembre nell’ambito del Settembre dell’Accademia li ha visti insieme? La scelta del programma della Mahler Chamber Orchestra, di cui è Maestro concertatore il primo violino Matthew Truscott, parte dalla tonalità musicale, il Do Minore. Scelta raffinata per una compagine di rara maestria.

 
     
 

Una scelta elegante e raffinata dicevamo, che inizia con Wolfgang Amadeus Mozart: Adagio e Fuga in do minore K 546, per soli archi, quasi si volesse introdurre un delicato conversare con un pubblico attento ad ogni minimo dettaglio cesellato da questi musicisti abituati a suonare in teatri sempre differenti. Sono infatti costantemente in viaggio, come recita la presentazione del programma di sala, a ricordarci che la MCO è un collettivo a tutto tondo.

Si prosegue con la Sinfonia concertante per violino, viola e orchestra K364 (320d), opera che unisce caratteristiche di sinfonia e concerto, unica arrivata completa fino a noi. Da notare che Mozart richiede un’accordatura più alta di quanto non sia normalmente per la viola, probabilmente per dare allo strumento un suono più brillante ed evitare di essere offuscato dal violino più penetrante. Nell’esecuzione delle due soliste, Alexandra Conunova violino e Béatrice Muthelet viola, si instaura un dialogo che ricorda quello tra un giovane acerbo e un adulto consapevole che con la stessa intensità emotiva ti accompagna fino alla fine, dialogando in perfetta armonia con l’orchestra.

Dopo la pausa si riprende con la Sinfonia da camera in do minore Op. 110a di Dmitrij Dmitrievic Shostakovic in una esecuzione che sottolinea ulteriormente l’affiatamento e la sintonia di questo ensemble. Un brano evocativo che la MCO interpreta magistralmente e che, a sua volta, permette all’ensemble di evidenziare le sue caratteristiche di pienezza ed equilibrio del suono.

Il concerto termina con la Ich habe genug Cantata per basso, oboe, archi e continuo in do minore BWV 82 di Johann Sebastian Bach. Fu composta a Lipsia per la festa della Presentazione di Gesù e si basa sul testo di un autore sconosciuto ispirato al Vangelo di Luca, capitolo 2 vv. 22-32. Tutta la sacralità del messaggio è espressa nelle note e nella struttura di questa composizione estatica. L’esecuzione è stata precisa, senza concessioni al romanticismo, ma ha comunque delineato in modo estremamente articolato le singole sezioni della cantata.

L’assenza di bis, nonostante l’entusiasmo del pubblico, ha consentito di mantenere quella sensazione di intimo raccoglimento di fronte a ciò che è più grande di noi, come è espresso nella cantata e come è stato l’incanto di questo concerto regalatoci dal un ensemble che vorremmo avere sempre a portata d’orecchio.

Valeria Bisoni 30 settembre 2018

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Plàcido Domingo si fa in tre  
  Tre titoli verdiani nel programma del Gala per festeggiare i 50 dal de...  
     
  25/08/2019  
Opulenza scenografica per la Traviata di Zeffirelli all'Arena  
  Di rassicurante classicità il canto del cigno del maestro fiorentino  
     
  12/08/2019  
Un matromonio segreto "borghese" a Martina Franca  
  Riuscita produzione del capolavoro di Cimarosa al Festival della valle...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...