Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 04/11/2018
 
 

Tinte forti e grandi contrasti per il titolo giovanile in scena al Teatro Regio

 
 

Un Attila corrusco e guerriero al Festival Verdi

 
 
 
     
   
       
   
 

Una sorta di filo rosso lega tra loro le tre nuove produzioni del festival Verdi 2018, in relazione al loro rapporto con l’opera francese. Se infatti la versione considerata definitiva di Macbeth è quella che debuttò a Parigi nel 1865, anche se qui si è eseguita l’edizione fiorentina del 1847, e Le Trouvère è la versione francese del ben più rappresentato Trovatore, Attila fu la prima opera cui Giuseppe Verdi pensò per il suo debutto all’Opéra di Parigi, prima che la scelta cadesse sui Lombardi alla prima crociata. La presenza di alcune Soluzioni visive quali l’alba sulla laguna, il sogno di Attila, oppure scene notturne illuminate dalla luce delle torce, denotano un interesse di Verdi verso lo stile grandoperistico ed anticipano le atmosfere corrusche del successivo Macbeth.

 
     
 

Il regista Andrea De Rosa firma per il Teatro Regio uno spettacolo di impianto sostanzialmente tradizionale, che tende ad esaltare la componente barbarica dell’opera. All’inizio infatti assistiamo a scene di violenza degli unni sui prigionieri, ed anche lo stesso Attila viene presentato come un barbaro spietato e crudele. Interpretazione questa che in parte stride con ciò che è rappresentato nella vicenda, in cui il protagonista emerge invece come l’unico personaggio positivo, circondato da ambigui cospiratori. La scena, progettata dallo stesso De Rosa è caratterizzata da un muro squarciato sul fondo, dietro al quale si intuiscono i vari luoghi citati nel libretto e sul quale si realizza un suggestivo gioco di ombre grazie alle luci di taglio espressionista firmate da Pasquale Mari. I costumi di Alessandro Lai rimandano genericamente al tardo ‘800.

Gianluigi Gelmetti, alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini opta per una lettura di stampo guerriero: tempi stringati, grandi contrasti e sonorità un po’ pesanti, che, se da una parte contribuiscono a mantenere il ritmo sempre incalzante e sostenuto, dall’altra ostacolano una lettura più approfondita della partitura.

Riccardo Zanellato è un Attila vocalmente solidissimo e credibile nell’interpretazione. Il timbro è pieno e rotondo ed il fraseggio è sempre morbido e duttile. Maria José Siri è un’Odabella più a suo agio nel versante guerriero -impetuosa l’aria di sortita “Allor che i forti corrono”- rispetto a quello lirico. l’Ezio di Vladimir Stoyanov, oltre ad essere molto ben cantato, è anche un personaggio estremamente sfaccettato e convincente. Francesco Demuro ha una bella linea di canto ma la voce appare troppo chiara per un ruolo come Ezio, che lo costringe a qualche difficoltà nell’acuto. Corretti Paolo Battaglia (Leone) e Saverio Fiore (Uldino).
Come sempre di ottimo livello la prova del Coro del Teatro Regio preparato da Martino Faggiani. Calorosissima la risposta del pubblico.

Davide Cornacchione 13 ottobre 2018

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
 
 
 
 
 
     
  04/11/2018  
Un Attila corrusco e guerriero al Festival Verdi  
  Tinte forti e grandi contrasti per il titolo giovanile in scena al Tea...  
     
  01/11/2018  
UN TUFFO NEGLI ANNI ’40 IN PIENA REGOLA AL SETTEMBRE DELL’ACCADEMIA  
  Will Salden e la sua Glenn Miller Orchestra e il suo swing ci porta ne...  
     
  01/11/2018  
Una gioiosa ventata d’Europa al Teatro Ponchielli  
  Regia e direzione convincenti per il Viaggio a Reims di Rossini  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Parma
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...