Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 16/12/2018
 
 

Proposta di grande impegno come primo titolo della rassegna “Il grande teatro”

 
 

Tre grandi attori inaugurano la stagione veronese

 
 
 
     
   
       
   
 

Tre mostri sacri del teatro italiano si cimentano con un testo interessante e difficile del drammaturgo inglese Michael Frayn. Si tratta di Copenhagen, testo del 1988 che mette in scena l’incontro avvenuto durante la seconda guerra mondiale fra Niels Bohr e Werner Karl Heisenberg, due fra i maggiori fisici del tempo.
Lo spettacolo è prodotto dalla compagnia Umberto Orsini e dal Teatro di Roma con la regia di Mauro Avogadro, costumi di Gabriele Mayer, scene di Giacomo Andrico. Umberto orsini interpreta Niels Bohr, Giuliana Lojodice sua moglie Margerethe, mentre Massimo Popolizio veste i panni di Werner Karl Heisenberger.

 
     
 

La pièce è estremamente concettuale. Affronta infatti, in un dialogo serrato fra i tre, uno dei dilemmi principali del novecento, cioè l’etica legata alle scoperte scientifiche. Nel caso specifico il dilemma verte attorno allo sviluppo della bomba atomica e al limite morale di uno scienziato di fronte ad una scoperta talmente distruttiva. Non a caso Heisenberg lavorava per i Tedeschi, mentre Bohr finirà per aiutare lo sviluppo della bomba per gli americani. La trama dialogica si sviluppa affrontando temi etici e filosofici accanto ad uno spaccato reale di vita di due grandi fisici, le loro invidie, i loro studi, le famiglie, la competizione per le cattedre.
È un lavoro senza storia, perché tutto è ormai già successo, il pubblico è consapevole degli sviluppi, sa che la guerra sarà vinta dagli americani, sa delle bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki. Ma proprio qui sta il sale della vicenda, in uno sguardo sfalsato dal tempo, in cui il pubblico vede dei personaggi ragionare su scelte morali ed etiche che, con il senno di poi, sono date per acquisite, definite, accadute. Non per questo il ragionamento dei tre fisici è meno importante, poiché ci illumina sui limiti morali che dovrebbero guidare ciascuno di noi, su un’etica del ragionamento che dovrebbe tracciare il sentiero di qualsiasi scelta umana. Sull’importanza della vita in un secolo di morte come il novecento.


Le discussioni filosofiche dei nostri fisici sembrano quasi paradossali se inserite in un contesto storico, il 1941, in cui la guerra sta mietendo milioni di morti. La pièce vuole illuminarci sull’importanza dell’etica del limite e in questo senso è antica come il mondo e pertanto modernissima. L’etica del limite che al tempo dei nostri fisici mancava ai dittatori tedeschi e Italiani che scatenarono la barbarie in Europa e che oggi manca a molti in svariati campi e su cui sarebbe utile una riflessione calma e pacata, “etica” appunto, priva di urla e strepiti.
Come calma e pacata è la messa in scena di Mauro Avogadro. Una regia rigorosa, precisa, illuminante, che lascia parlare il testo senza mai prevaricarlo, che ci porta ai contenuti senza farsi vedere, senza imporsi con inutili orpelli. Il tutto poi si assomma e si realizza nella prova maiuscola di tre grandi attori che non hanno bisogno di presentazioni. Gettano nella recitazione tutta la loro esperienza (220 anni in tre), i lunghi anni di teatro che permettono loro di tenere un testo di parola per quasi due ore senza una sbavatura, con presenza e consapevolezza e senza mai appesantire o trattare le illuminanti riflessioni di Frayn come inappropriati sermoni. Una grande prova di teatro che si mantiene inalterata dopo 18 anni dalla prima assoluta, sempre con Umberto Orsini al Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia nel 1999. Uno spettacolo che dovrebbe diventare obbligatoriamente di repertorio ed essere riproposto annualmente nei teatri.
Ottimo successo a fine serata.

Raffaello Malesci (07/11/18)

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  08/05/2019  
Wayne McGregor danza sul DNA  
   
     
  07/04/2019  
Misteriosa Salomè per Luca de Fusco  
  Eros Pagni indiscusso protagonista dell'allestimento al Teatro Nuovo d...  
     
  05/04/2019  
Alice, tra corpi e proiezioni  
  La nuova produzione dei Momix al Teatro Ponchielli  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...