Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 30/12/2018
 
 

Una messa in scena intimista per il capolavoro di Victor Hugo

 
 

Miserabili senza epica

 
 
 
     
   
       
   
 

Come terzo appuntamento con la stagione al Teatro Nuovo di Verona, viene proposto uno spettacolo che ha debuttato la scorsa stagione, prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e dal Centro Teatrale Bresciano. Si tratta nientemeno che della trasposizione teatrale de “I Miserabili” dal grande romanzo storico ottocentesco di Victor Hugo.

 
     
 

Firma l'adattamento teatrale Luca Doninelli che sceglie un taglio sequenziale, sfoltendo l'enorme materia del romanzo in una serie concatenata di brevi scene e puntando decisamente sulla parte intimista del grande romanzo francese. Nella sua riduzione troviamo tutto l'essenziale, spesso però ridotto ai minimi termini, ove avrebbe forse giovato allo spettacolo una scelta più conseguente con le scelte registiche e di messa in scena. Infatti lo spettacolo, curato per la regia da Franco Però, risulta particolarmente cupo, declinato principalmente su brevi dialoghi che fanno assomigliare il grande romanzo, dedicato da Hugo alla massa dei poveri francesi, ad un dramma ibseniano dalle tinte scure. Ne risulta uno spettacolo a tratti lungo, efficace in molti momenti, ma totalmente privo dell'afflato epico che pervade tanta parte della scrittura di Hugo e che ne ha fatto, insieme allo Zola del ciclo dei Rougon-Macquart, il principale interprete del malessere e della povertà della società francese dell'ottocento.

Risentono di questo taglio intimistico in particolare le poche scene di massa superstiti, in cui si avverte decisamente la necessità di diverse scelte drammaturgiche, più coerenti al taglio scelto, nonché gli accenti ironici e grotteschi che Hugo programmaticamente dissemina nella sua opera. Per il resto la regia è condotta con professionalità, mettendo in sequenza col giusto ritmo le varie scene grazie anche al valido supporto della pratica e spoglia scenografia di Domenico Franchi. Stonano di nuovo alcuni rimandi spiccatamente naturalisti come i letti e alcuni oggetti di arredo in un contesto lasciato completamente all'immaginario ove la scena non è mai descritta ma giustamente solo accennata.

Mattatore della produzione e primo attore è Franco Branciaroli che, come consulente artistico del Centro Teatrale Bresciano, è sicuramente il deus ex machina di tutta l'operazione. Affiancato da un nutrito cast di giovani attori, Branciaroli si piega ad una recitazione più secca e controllata abbandonando le evoluzioni vocali che solitamente lo caratterizzano. Ne risulta una prova valida e soprattutto omogenea con il resto del cast. Gli sono accanto dodici attori dall'ottima professionalità, che interpretando più ruoli dipanano la lunga e complessa storia in poco più di due ore e mezza. Spicca fra gli altri lo Javert di Francesco Migliaccio, reso con opportuni accenti di perfidia.
Buon successo a fine serata.

Raffaello Malesci (08/12/18) 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
 
 
 
 
     
  08/05/2019  
Wayne McGregor danza sul DNA  
   
     
  07/04/2019  
Misteriosa Salomè per Luca de Fusco  
  Eros Pagni indiscusso protagonista dell'allestimento al Teatro Nuovo d...  
     
  05/04/2019  
Alice, tra corpi e proiezioni  
  La nuova produzione dei Momix al Teatro Ponchielli  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...