Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 27/01/2019
 
 

Un Ballo in Maschera nell’edizione firmata nel 1913 da Giuseppe Carmignani inaugura la stagione del Teatro Regio

 
 

Suggestivo Ballo d’altri tempi

 
 
 
     
   
       
   
 

La stagione d’opera 2019 del Teatro Regio di Parma si è aperta con un’edizione di Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi che non è un azzardo definire eccezionale. Lo spettacolo è stato infatti costruito partendo dalle scenografie dipinte nel 1913 da Giuseppe Carmignani e recentemente restaurate dopo un fortuito ritrovamento nei magazzini del teatro.

 
     
 

Carmignani fu nipote e allievo di Girolamo Magnani, lo scenografo preferito da Verdi, per cui questa riscoperta ha permesso al pubblico odierno di assistere ad una rappresentazione allestita esattamente secondo i canoni in voga all’epoca dello stesso compositore. E, proprio perché venisse in toto rispettato questo criterio filologico, i fondali che il tempo ha rovinato non sono stati sostituiti da altri dipinti ex novo ma si sono volutamente lasciati degli spazi vuoti. Al di là dell’importanza della riscoperta, è indubbio l’appagamento che queste scenografie recano all’occhio dello spettatore. Lo sfoggio di colori, il gioco prospettico e la maestria con la quale sono state realizzate costituiscono un piacere che si rinnova ad ogni cambio scena. Piacere amplificato dagli sfarzosi costumi seicenteschi disegnati da Lorena Marin -bellissimi quelli del ballo ispirati alla commedia dell’arte- ed agli arredi progettati da Leila Fteita che perfettamente si sposano con i vari ambienti. Anche la regista Marina Bianchi ha dovuto basarsi su questo spazio scenico per costruire la sua regia, che si è rivelata estremamente efficace nonostante si sia mantenuta sui canoni della tradizione, con un impianto sostanzialmente frontale ed i cantanti quasi sempre a proscenio. Molto suggestiva la scelta di proiettare durante il preludio del primo atto un filmato che illustrava i vari passaggi del restauro delle scenografie stesse curato da Rinaldo Rinaldi.

Sul podio dell’Orchestra Filarmonica Italiana il Maestro Sebastiano Rolli ha saputo imprimere alla partitura una lettura di grande efficacia. Il suo è un Verdi estremamente vitale, ricco di colori e sfumature, che ai tempi concitati del primo atto contrappone le tinte corrusche dell’antro di Ulrica e le sottilissime raffinatezze con le quali sono sorrette le arie di Amelia, pervase da un malinconico lirismo. Il tutto sempre riuscendo a mantenere in perfetto equilibrio buca e palcoscenico, grazie anche all’apporto del coro del Teatro Regio come sempre magnificamente preparato da Martino Faggiani.

Discreto il cast su cui spiccava lo spavaldo Riccardo di Saimir Pirgu. Il giovane tenore ha sfoggiato un bel timbro lirico e acuti solidi e ben timbrati, ma si è anche distinto per il ricco e sfumato fraseggio. Al suo fianco Irina Churilova, convocata pochi giorni prima del debutto e quindi salita sul palcoscenico dopo un esiguo numero di prove, è stata un’Amelia sicura nei centri ma meno negli acuti. Il personaggio è stato comunque reso in modo credibile nonostante il fraseggio non curatissimo. Lion Kim è stato un Renato dalla voce piena e rotonda ma avara di sfumature. Laura Giordano è stata un Oscar vitale ed impeccabile nelle agilità e mentre Silvia Beltrami si è distinta per il timbro corposo e la grande personalità nell’affrontare il ruolo di Ulrica. Adeguati Massimiliano Catellani (Samuel), Emanuele Cordaro (Tom), Fabio Previati (Silvano) e Blagoj Nacoski (Giudice e Servo di Amelia).
Il pubblico del Teatro Regio ha decretato un franco successo scandito da ripetuti applausi a scena aperta.

Davide Cornacchione  20/01/2018

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Plàcido Domingo si fa in tre  
  Tre titoli verdiani nel programma del Gala per festeggiare i 50 dal de...  
     
  25/08/2019  
Opulenza scenografica per la Traviata di Zeffirelli all'Arena  
  Di rassicurante classicità il canto del cigno del maestro fiorentino  
     
  12/08/2019  
Un matromonio segreto "borghese" a Martina Franca  
  Riuscita produzione del capolavoro di Cimarosa al Festival della valle...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Parma
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...