Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Giovedì 09/05/2019
 
 

Ottimo adattamento in chiave contemporanea del capolavoro monteverdiano al Teatro Ponchielli

 
 

Orfeo, agli inferi in Metrò

 
 
Ottimo adattamento in chiave contemporanea del capolavoro monteverdiano al Teatro Ponchielli
 
     
   
       
   
 

È uno spazio decisamente inusuale quello ricreato per la rappresentazione di Orfeo nel metrò, spettacolo inaugurale del Monteverdi Festival 2019 a Cremona. Interpreti e pubblico vengono infatti posizionati sul palcoscenico del Teatro Ponchielli, in una location che rievoca l’interno della metropolitana e che, per dimensioni, probabilmente non differisce molto da quel salone del Palazzo Ducale di Mantova che nel 1607 -come viene peraltro rievocato su alcuni schermi- vide il debutto nella prima opera di Claudio Monteverdi.

 
     
 

Questa nuova edizione ha il pregio di riportare il primo dei capolavori del musicista di Cremona alla sua dimensione cameristica, creando un rapporto tra artisti e pubblico per molti versi simile a quello della prima assoluta.

Sul palcoscenico del teatro Ponchielli lo spazio viene delimitato da due pannelli che rappresentano le pareti di un vagone ferroviario, decorate dagli studenti del liceo artistico Stradivari, di fronte alle quali si posizionano gli spettatori. L’orchestra occupa la parte rivolta verso il fondale mentre i cantanti si muovono nel mezzo, interagendo anche con gli spettatori. Il viaggio agli inferi di Orfeo diventa un viaggio in metropolitana, anche questo quindi nelle profondità della terra ma rielaborato in chiave contemporanea, attualizzandone il messaggio.

L’idea di base viene sviluppata molto bene nel progetto di Luigi De Angelis, che firma regia scene e luci, mentre i costumi sono di Chiara Lagani: Orfeo è un musicista rock che non disdegna di esibirsi sui vagoni della metropolitana, la Musica una venditrice di compact disc, Caronte un vigilante della sala controllo, Plutone e Proserpina due militari. Lo spettacolo si dipana con grande coerenza e ricchezza di idee: molto suggestivo ad esempio il momento in cui ad Orfeo si spalanca la porta dell’Ade che altro non è che la platea del teatro stesso, svelata dall’aprirsi del sipario. Nel complesso quindi uno spettacolo di grande efficacia che rielabora con intelligenza il mito trasferendolo nella quotidianità.

La vitalità e la proposta si respira anche nella giovane età dei musicisti coinvolti. Hernán Schvartzman dirige l’Orchestra barocca della Civica Scuola di Musica Claudio abbado, che, nonostante necessiti di una maggiore messa fuoco nella sezione dei fiati, si disimpegna egregiamente sia nei passaggi più dinamici che in quelli più lirici. La compagnia di canto è dominata da Arianna Stornello, contralto dalla voce solida e ben timbrata, impegnata nel triplice ruolo di Musica, Messaggera e Proserpina, e da Lorenzo Tosi, Caronte e Plutone dal timbro e scuro e pastoso e dalla tecnica eccellente. Antonio Sapio è un Orfeo dal timbro chiaro, disinvolto nel fraseggio ma non sempre impeccabile nelle fioriture. Buona la prova del coro dei pastori su cui spicca Michele Gaddi, impegnato anche nel ruolo di Apollo, cui si affiancano Danilo Pastore, Stefano Maffioletti e Marco Tomasoni. Qualche perplessità viene dal versante femminile: Veronica Villa, interprete di Euridice, Eco e Speranza, non sempre sembra avere il giusto peso vocale, mentre Martha Rook è una Ninfa dall’intonazione spesso periclitante. Al termine applausi calorosissimi da parte di un pubblico coinvolto e partecipe.

Davide Cornacchione 2 maggio 2019

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  09/05/2019  
Orfeo, agli inferi in Metrò  
   
     
  14/04/2019  
Un piacevole Barbiere di Siviglia al Teatro Regio  
  A Parma il capolavoro rossiniano a 150 anni dalla scomparsa del musici...  
     
  07/04/2019  
Adriana in bianco e nero  
  L’opera di Cilea al Teatro Filarmonico in un’ambientazione che ricorda...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Cremona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...