Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Lunedì 01/07/2019
 
 

Preziosa e densa edizione a cura di Luca De Fusco al Teatro Romano

 
 

Una Tempesta in biblioteca

 
 
 
     
   
       
   
 

L'Estate Teatrale Veronese 2019 apre con una bella edizione de “La Tempesta” da William Shakespeare portata in scena dal Teatro Stabile di Napoli per la regia di Luca De Fusco.
De Fusco compie scelte molto nette a cominciare da una riduzione notevole del testo che viene sforbiciato e portato ad un atto unico di 1 ora e 45 minuti. Coadiuvato dalle scene e costumi di Marta Crisolini Malatesta, De Fusco ambienta l'ultima opera shakespeariana in una biblioteca zeppa di libri e di quadri che costantemente cambiano grazie alle sapienti installazioni video di Alessandro Papa

 
     
 

La biblioteca funge da contenitore onirico delle magie, vere o presunte, di Prospero, Eros Pagni, che viene immaginato come un intellettuale dei primi del novecento perso nei suoi libri e forse nei suoi sogni. Infatti non vi è nella regia la minima concessione naturalista all'isola della tempesta e agli accadimenti esotici che tanta parte hanno nel teatro di Shakespeare: alla fine del cinquecento non c'era niente di più esotico per gli inglesi che Napoli, Milano e il lontano mare mediterraneo dove tutto poteva accadere. La tempesta viene accennata con delle immagini che paiono la proiezione delle fantasie di Prospero e tutti i personaggi del dramma entrano immobili su di un nastro trasportatore, quasi fossero figurine, burattini creati dall'immaginazione del mago intellettuale. Coerentemente a questa visione lo spirito Ariel, Gaia Aprea che riveste anche il ruolo di Calibano, altro non è che l'attempato maggiordomo del nostro studioso, che poi si trasforma anche nel perfido Calibano con chiari rimandi a più contemporanee letture psicologiche.

Possiamo infatti scomodare tranquillamente “Dottor Jeckyll e Mister Hyde” di Stevenson, ma anche il “Ritratto di Dorian Gray” di Wilde, apparendo spesso e volentieri Prospero e Calibano in un grande quadro centrale situato al piano rialzato della scena in un continuo gioco di specchi, scambi e rimandi ambientato in una specie di tempio zeppo di libri e di arte, tanto che la recitazione volutamente spaesata e a tratti maniacale del protagonista non può non far venire in mente anche il Peter Kien del grande romanzo di Elias Canetti: “Autodafè”. Sicuramente non è un caso che i servi di Prospero siano impersonati en travestì da una donna, che quasi disturba, come la Therese Krummholtz di Canetti, la “montagna incantata” in cui si è ritirato lo studioso e mago Prospero.Lettura interessante insomma quella di De Fusco e piena di spunti. La regia segue questo filone fino in fondo, stagliando sempre i personaggi in pose nette e formali, facendoli entrare e uscire dal nastro trasportatore come marionette animate della mente di Prospero. Lo spettacolo è sempre di alto livello e De Fusco tenta giustamente di alleggerire lasciando spazio ai comici e ad alcune canzoni che simboleggiano e rappresentano la magia attuata da Prospero in quest'isola che altro non è se non il parto senile della sua fantasia. E qui il riferimento a Marilyn, una spigliata Alessandra Pacifico Griffini, ci riporta ad un'altra citazione di voyeurismo erotico quasi Schnitzleriano. Tuttavia il rigore della scelta porta in alcuni punti ad appesantire lo spettacolo che a tratti risulta statico, in particolare nello svolgimento delle trame secondarie. Alla fine Prospero decide di spezzare la sua bacchetta magica e di abbandonare la sua biblioteca, che sprofonda, insieme ai suoi sogni, lentamente in mare.

Senza più libri non esiste più niente e la magia della fantasia si liquefà in un mare oscuro, proprio perché “siamo fatti della stessa materia che sono fatti i sogni” e senza sogni fantastici non possiamo vivere. Così tutto rimane buio. Resta un vecchio attore, solo, al limite del palcoscenico a recitare, quasi senza convinzione, un epilogo forse senza speranza.

Una lettura di assoluta eccezione. Grandissima prova di Eros Pagni che interpreta Prospero come raramente si è potuto vedere negli ultimi anni, calibratissimo, attento, intenso e totalmente compreso nell'idea registica. Pagni riesce a condire la senilità di Prospero con gli accenti della nevrosi e della malinconia declinate con un sapiente gioco “a togliere” e senza mai scadere nel facile effetto. Ottima anche Gaia Aprea nel doppio personaggio di Ariel e Calibano. L'attrice dimostra ormai una piena maturità e disegna due personaggi sempre a fuoco, primeggiando nel “maggiordomo” Ariel che può benissimo rivaleggiare con l'Albert Nobbs di Glenn Close. Professionali e corretti tutti gli altri interpreti fra cui spiccano i due comici Gennaro Di Biase (Stefano), Alfonso Postiglione (Trinculo). Una menzione anche per l'attento e musicale Paolo Serra (Antonio).

Il Teatro Romano, per la verità non molto affollato, ha tributato calorosissimi applausi a tutti gli interpreti nel finale.

Raffaello Malesci 29/06/19

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Romeo e Giulietta in Arena con un cast di stelle  
  Grandi nomi sul palco ma la coreografia di Johan Kobborg non convince  
     
  11/08/2019  
IMMERSI NEL " PAESE DELLE MERAVIGLIE" DEI MOMIX  
  Alice chiude la sezione danza dell'Estate Teatrale Veronese  
     
  04/08/2019  
ALE & FRANZ , con l'amore sfortunato di Romeo e Giulietta al Vittoriale  
  I due attori in uno spettacolo tra dramma e cabaret  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...