Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 28/07/2019
 
 

Ovvero come mettere in scena l’opera in Italia oggi

 
 

Emma Dante reinventa Macbeth

 
 
 
     
   
       
   
 

“RossoDesiderio” è il filo conduttore del Macerata Opera Festival 2019 che, accanto a Carmen e Rigoletto, propone il Macbeth di Giuseppe Verdi, curato da Emma Dante. Lo spettacolo era stato presentato qualche anno fa a Palermo e poi al Festival di Edimburgo e viene riadattato per l’occasione nel particolare spazio dell’Arena Sferisterio con la collaborazione registica di Giuseppe Cutino.

 
     
 

Grande teatro quello di Emma Dante, originale e al tempo stesso rispettoso della musica e della drammaturgia. L’immenso spazio dell’Arena Sferisterio viene reinventato grazie all’apporto determinante del gruppo di mimi/attori della compagnia della Dante. In realtà il vero spettacolo sono loro: incarnano un teatro corporeo e simbolico in cui il sabba delle streghe è un’orgia in piena regola che partorirà pletore di infanti che usciranno dal calderone fumante nella grande scena degli enigmi. Lo stesso dicasi per il finale del secondo atto in cui la grande scena corale successiva alla morte del Re Duncano viene resa come un affresco in cui il cadavere del sovrano viene lavato al pari di cristo deposto dalla croce. Oppure ancora le trovate ironiche che risolvono in modo originale le marcette infilate qua e là da Verdi e che solitamente sono il punto debole di ogni allestimento. Geniale infine la grande scena del sonnambulismo di Lady Macbeth, inseguita e circondata da letti d’ospedale semoventi che creano un corto circuito straniante e immaginifico fra musica, testo – “a letto, a letto… (…) andiam Macbetto! – e azione scenica. Cantanti e coro vengono opportunamente amalgamati in questa cornice corporea, attenuandone la staticità e risolvendo brillantemente anche la poca propensione alla recitazione credibile di molti interpreti.

Ottima la resa musicale curata dal direttore Francesco Ivan Ciampa che propone una lettura sfumata e drammatica della partitura, evitando facili effetti con una concertazione intimista e coinvolgente. Saioa Hernadez è un’ottima Lady, pienamente convincete nel canto e nella resa scenica e mimica. Sfumato e recondito il Macbeth di Roberto Frontali che delinea un personaggio mai forzato e dalla giusta souplesse vocale. Buoni anche gli interventi di Alex Esposito come Banco e Giovanni Sala come Macduff. Professionali gli altri.

Nel finale Macbeth morente viene circondato da una selva di spade e il coro riempie la platea dello Sferisterio, accomunando gli spettatori all’ignaro popolo che ha seguito e sofferto il dramma politico e personale del dittatore. Gli spettatori si riconoscono improvvisamente nel coro che poco prima aveva cantato “patria oppressa”, velato, immobile e frontale, una macchia scura monito perenne contro ogni totalitarismo.

Molti applausi per tutti nel finale. 

(Raffaello Malesci 20/07/19)

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Plàcido Domingo si fa in tre  
  Tre titoli verdiani nel programma del Gala per festeggiare i 50 dal de...  
     
  25/08/2019  
Opulenza scenografica per la Traviata di Zeffirelli all'Arena  
  Di rassicurante classicità il canto del cigno del maestro fiorentino  
     
  12/08/2019  
Un matromonio segreto "borghese" a Martina Franca  
  Riuscita produzione del capolavoro di Cimarosa al Festival della valle...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Macerata
   
 
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...