Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 04/08/2019
 
 

Regia sottotono per il capolavoro di Bizet all'Arena

 
 

Non convince del tutto la Carmen di De Ana

 
 
 
     
   
       
   
 

Dopo oltre 20anni di riprese della Carmen di Zeffirelli, finalmente dallo scorso anno è arrivata questa nuova edizione, che però non convince fino in fondo. Nonostante le condizioni meteo non fossero propriamente favorevoli, visto il nubifragio del pomeriggio, lo spettacolo cui abbiamo assistito è riuscito ad  arrivare al termine praticamente con un'unica breve interruzione durante il primo atto. E se questo ha sicuramente rallegrato il pubblico per il biglietto pagato, non altrettanto si può dire per la riuscita dell'opera.

 
     
 

Hugo De Ana ormai celebre per i suoi allestimenti opulenti e sfarzosi, in quest’opera forse non ha trovato la giusta ispirazione per sorprenderci nuovamente. In Carmen, De Ana ha firmato regia, scene e costumi che per certi versi formavano un tutt'uno, ma sempre un po' sottotono.

Il primo atto si è aperto con una serie di camion militari, jeep e oggetti vari in legno e metallo tesi a ricordare le città della Spagna al momento della dittatura di Franco. Nel secondo atto la scena della taverna è stata ricreata utilizzando come fondali dei grandi quadri che parevano avere una disposizione ed una scelta quasi casuali. Il grigio ha connotato coloristicamente il terzo atto, facendo risultare l'insieme un po' sciapo. Nei primi tre atti lo spazio scenico è stato portato molto in avanti e riducendolo; in questo modo si è creata un’inutile confusione che non ha mai permesso di focalizzare l’attenzione nel modo dovuto. Finalmente nel quarto atto è stato possibile riconoscere i tratti distintivi del grande regista argentino che, con qualche effetto speciale (luci pirotecniche e una pioggia di coriandoli) ha ridestato l'attenzione degli spettatori ripagandone finalmente l'occhio.

Ruth Iniesta nei panni di Micaela è stata la cantante più apprezzata della serata. La sua voce è sempre risultata nitida, dolce e soave. Ha saputo reggere la parte della in maniera credibile e totalmente appropriata. Il pubblico l'ha ripagata con un caloroso applauso al termine di “Je dis que rienne m’épovante”.
Ksenia Dudnikova nella parte di Carmen, ha una bella voce, ma poco adatta ai grandi spazi dell'Arena. I colori del mezzosoprano utzbeko non hanno ho avuto la forza sufficiente per arrivare al cuore dello spettatore. Anche la gestualità ha un poco sofferto della mancanza di sensualità e di carattere che si addice al ruolo della protagonista.
Murat Karahan nel ruolo di Don José dopo una partenza non del tutto convincente è andato via via riscattandosi durante il corso della serata. Una volta scaldata la voce, la sua prestazione è stata davvero eccellente “Le fleur chetu m’avais jetée”.

Daniel Oren ha diretto l'orchestra dell'Arena di Verona in modo ottimale. Ha saputo mantenere il giusto ritmo, regalando anche molti momenti di lirismo. Ottima anche la prova data dal coro e dal corpo di ballo. Molto graziosi i bimbi del coro di voci bianche nel primo atto che hanno saputo toccare l'anima con uno sguardo rivolto al futuro.

Sonia Baccinelli 2 agosto 2019

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Plàcido Domingo si fa in tre  
  Tre titoli verdiani nel programma del Gala per festeggiare i 50 dal de...  
     
  25/08/2019  
Opulenza scenografica per la Traviata di Zeffirelli all'Arena  
  Di rassicurante classicità il canto del cigno del maestro fiorentino  
     
  12/08/2019  
Un matromonio segreto "borghese" a Martina Franca  
  Riuscita produzione del capolavoro di Cimarosa al Festival della valle...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...