Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Giovedì 01/05/2008
 
 

 
 

“Nixon in China” finalmente in Italia

 
 
La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappresentazione italiana della celebre opera di John Adams
 
     
   
       
   
 

Per la stagione lirica invernale 2007/08 la Fondazione Arena di Verona ha scelto di presentare una serie di titoli non appartenenti al grande repertorio dell’opera lirica, tuttavia di grande curiosità. Oltre infatti ad allestire due partiture verdiane di rara frequentazione quali “Oberto” ed “Attila”, che dovrebbero rientrare in un progetto finalizzato alle celebrazioni del 2013, la scelta di inaugurare con la prima esecuzione assoluta in Italia dell’opera “Nixon in China”  di John Adams si è rivelata un’operazione culturale di notevole interesse.

 
     
 

Messo in scena  per la prima volta nel 1987 (quando gran parte dei personaggi qui rappresentati -si disse- avrebbero potuto tranquillamente assistervi seduti in platea) questo titolo viene spesso un po’ semplicisticamente  fatto rientrare nel filone della musica minimalista, definizione tutto sommato un po’ riduttiva. Nonostante infatti gli elementi peculiari del minimalismo siano ben riconoscibili (ripetizioni, armonie consonanti, impulsi ritmici regolari)  lo stile di Adams è più improntato verso una sorta di eclettismo opportunamente distante dal minimalismo più radicale, riscontrabile ad esempio in certi lavori di Glass, dell’ultimo Nyman o del sempre più estremo Steve Reich. All’interno dello spartito si possono udire echi di varie correnti musicali novecentesche, compreso qualche passaggio di stampo wagneriano, ma è con la tradizione musicale americana, quella dei Gershwin e dei Bernstein per intenderci, a cui Adams sembra dover pagare il debito maggiore. Ciò non toglie che il risultato sia quello di un’opera indubbiamente riuscita e musicalmente accattivante, complice anche l’eccellente libretto di Alice Goodman. Viene pertanto da chiedersi come mai si sia dovuto aspettare così tanto tempo prima che tale lavoro, acclamato e riconosciuto in tutto il mondo, riuscisse ad approdare anche nel nostro paese. Doppio merito quindi alla Fondazione Arena per avere avuto il coraggio di realizzare una tale proposta e per averlo fatto in maniera egregia.

La concertazione di questa nuova produzione era affidata all’esperto Andreas Mitisek, che ha diretto con mano sicura la versatile orchestra della Fondazione Arena, mostrando una grande attenzione verso le componenti ritmiche e l’articolato gioco contrappuntistico della partitura. 

Rimarchevole anche la prova dei cantanti, peraltro supportati da un sistema di amplificazione.  Da segnalare il Nixon di Jeremy Huw Williams, il Mao di Daniel Noran, il Kissinger di Rod Nelman, la moglie di Mao di Yu So-Yug e, un gradino sopra tutti,  l’eccellente Pat Nixon di Suzan Hanson.

Decisamente efficace anche l’aspetto visivo, che si è avvalso delle scenografie disegnate da William Holzbauer. Un progetto tutto sommato semplice ed essenziale ma che, impiegato con grande abilità dal regista Peter Pawlik, alternava momenti spettacolari e coreografici a scene più intimiste e raccolte, riuscendo a non far calare mai la tensione, nonostante in più passaggi la drammaturgia dovesse pagare il prezzo alla staticità ed alla ripetitività della scrittura musicale.

Positiva e convinta l’accoglienza del pubblico, che ha dimostrato come anche una proposta di teatro contemporaneo, se realizzata nel modo giusto, possa rivelarsi una scelta vincente.

 

Davide Cornacchione 2 febbraio 2008

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Plàcido Domingo si fa in tre  
  Tre titoli verdiani nel programma del Gala per festeggiare i 50 dal de...  
     
  25/08/2019  
Opulenza scenografica per la Traviata di Zeffirelli all'Arena  
  Di rassicurante classicità il canto del cigno del maestro fiorentino  
     
  12/08/2019  
Un matromonio segreto "borghese" a Martina Franca  
  Riuscita produzione del capolavoro di Cimarosa al Festival della valle...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...