Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 04/05/2008
 
 

Debutta al Teatro Santa Chiara la nuova produzione del Centro Teatrale Bresciano

 
 

Una badante tra passato ed attualità

 
 
Nell’ultimo testo di Cesare Lievi convivono la quotidiana realtà del mondo delle badanti con il dramma del fascismo e quello di un'impossibile eredità
 
     
   
       
   
 

Dopo la prima assoluta in lingua tedesca a Wiesbaden lo scorso autunno, abbiamo potuto assistere a Brescia alla prima rappresentazione italiana de “La badante”, l’ultimo testo scritto dal regista-drammaturgo Cesare Lievi.

Proseguendo una tematica a lui cara, affrontata già negli ultimi due suoi lavori, ovvero quella dell’immigrato costretto ad integrarsi in un paese straniero, l’autore in quest’opera affronta con lucida ironia il rapporto tra un’anziana ricca signora e la sua badante ucraina.

 
     
 

Rimescolando la successione cronologica degli eventi, come peraltro è tipico del suo stile, Lievi ricorre ad un machiavellico progetto riguardante l’eredità della protagonista per creare un giallo dai sottili risvolti psicologici, all’interno del quale si innestano i rapporti con i figli ed il ricordo di un passato legato alla Repubblica di Salò che continua ad affiorare.

Ad una prima parte giocata sul filo di una comicità contenuta ma pungente, nella quale emergono le ostilità della protagonista nei confronti della badante, fa seguito una seconda parte in cui i figli si trovano, dopo la morte della madre, a confrontarsi con una situazione ereditaria tanto spiazzante quanto misteriosa, la cui risoluzione affiorerà nella terza parte, nella quale l’anziana signora, sospesa tra il peso del passato ed un futuro apparentemente senza prospettive, cerca il modo per dare ancora un senso al suo agire.

In questo suo nuovo testo, a mio avviso il più riuscito di quelli appartenenti alla cosiddetta “Trilogia dello straniero”, Lievi riesce a coniugare una vicenda di quotidiana attualità, peraltro resa da dialoghi estremamente verosimili nella loro naturalezza, con i drammi che fanno parte della nostra storia recente e che in parte sono ancora radicati in quella zona del lago di Garda che rappresentò l’ultimo baluardo del fascismo, non a caso il paese di Salò viene qui definito “città di morti”.

Da qui nasce il problema dell’eredità, vista non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto storico e morale, un’eredità che i figli non saprebbero gestire, o forse tramandare, e che quindi è destinata a prendere una via diversa da quella prevista.

Decisamente all’altezza la messinscena dello spettacolo, curata dallo stesso autore e prodotta dal Centro Teatrale Bresciano. La vicenda è stata resa attraverso una regia molto pulita, misurata e lineare (forse un po’ troppo) inserita nella bella, ed in parte claustrofobica,  scenografia di Josef Frommwieser, ed illuminata con la consueta abilità dalle luci di Gigi Saccomandi.

Dal punto di vista della recitazione la scena è stata dominata dalla maiuscola interpretazione di Ludovica Modugno nel ruolo dell’anziana protagonista. Nel tratteggiare il suo personaggio, che ricorda per molti versi certe figure monologanti di Thomas Bernhard, l’attrice ha dato prova di una tale gamma di sfumature, sia nella voce che nella mimica,  che le hanno consentito di fondere dramma e leggerezza in un perfetto equilibrio.

Accanto a lei si sono fatti apprezzare Leonardo De Colle ed Emanuele Carucci Viterbi nel ruolo dei figli, Paola Di Meglio in quello della nuora e Giuseppina Turra che impersonava la badante.

Decisamente positiva la risposta del numeroso pubblico che ha tributato applausi convinti a tutta la compagnia.

 

Davide Cornacchione 3 maggio 2008

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/09/2019  
Romeo e Giulietta in Arena con un cast di stelle  
  Grandi nomi sul palco ma la coreografia di Johan Kobborg non convince  
     
  11/08/2019  
IMMERSI NEL " PAESE DELLE MERAVIGLIE" DEI MOMIX  
  Alice chiude la sezione danza dell'Estate Teatrale Veronese  
     
  04/08/2019  
ALE & FRANZ , con l'amore sfortunato di Romeo e Giulietta al Vittoriale  
  I due attori in uno spettacolo tra dramma e cabaret  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Brescia
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...