Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Giovedì 23/09/2010
 
 

Wagner, Bartòk e Čajkovskij nel bellissimo programma proposto dalla formazione milanese guidata da Semyon Bychkov

 
  (Archivio)  
 

Una Filarmonica della Scala in una forma eccellente trionfa al Settembre dell’Accademia

 
 
 
     
   
Semyon Bychkov
       
   
  Semyon Bychkov
   
 
  Il secondo concerto del Settembre dell’Accademia 2010 ha visto come protagonista l’Orchestra Filarmonica della Scala diretta dal maestro Semyon Bychkov, con un programma tanto eclettico quanto affascinante: 3 capolavori che spaziavano dal romanticismo all’espressionismo, siglati dai nomi di Wagner, Bartòk e Čajkovskij.  
     
 

Brano d’apertura era il “Preludio e morte di Isotta” di Wagner: alfa e omega di quel “Tristano e Isotta” che, spartiacque della musica romantica, ha aperto la strada verso l’atonalità.  In questa partitura, silloge dell’omonimo titolo operistico,  l’autore ha voluto condensare la tematica  chiave su cui si basa il dramma, ovvero l’inscindibile binomio amore–morte.
Dall’interpretazione di Bychkov traspariva più “Eros” che “Thanatos”: i colori dell’orchestra lasciavano intuire un Wagner mediterraneo, se è consentito il paragone. Una lettura estremamente lucida, unita ad uno sfavillio di colori, complice un’orchestra in splendida forma, hanno contribuito ad esaltare la componente più lirica del brano.
In totale antitesi si presentava invece la composizione successiva, ovvero la suite dal Mandarino meraviglioso di Béla Bartòk.
Pur restando sempre nell’ambito della selezione di brani da una composizione più ampia (qui ci si riferisce all’omonimo balletto), il mutamento di atmosfera è radicale. Ci troviamo infatti negli anni ’20 del secolo scorso, in piena corrente espressionista. Le sonorità sono quindi più aspre e dure, tratteggiate a tinte forti e caratterizzate da una grande eterogeneità timbrica. In sostanza una scrittura ideale per valorizzare le singole sezioni dell’orchestra, che si sono distinte ottimamente nel complesso gioco contrappuntistico, dando prova di grande personalità sotto la bacchetta sicura e perentoria di Bychkov.
Sicurezza che si è riscontrata anche nell’ultimo capolavoro in programma, ovvero quella Sinfonia “Patetica” universalmente considerata come il testamento musicale di Čajkovskij.
 Ad un primo movimento energico e molto chiaroscurato ha fatto seguito un “allegro con grazia” estremamente morbido e cantabile, sfociato in un “allegro molto vivace” dal ritmo così rapinoso che parte nel pubblico ne ha sottolineato la conclusione con un applauso non proprio opportuno.
Altrettanto trascinante e ricco di accenti espressivi è stato l’ultimo tempo, caratterizzato nel finale da una lunga pausa dopo l’ultima nota, quasi si trattasse di una corona scritta per il pubblico, cui hanno fatto seguito gli applausi entusiasti di un Teatro Filarmonico esaurito in ogni ordine.

Davide Cornacchione 7 settembre 2010

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  01/05/2008  
Un Attila minimalista conclude la stagione lirica al Filarmonico  
  La partitura giovanile di Giuseppe Verdi proposta in un allestimento e...  
     
  01/05/2008  
“Nixon in China” finalmente in Italia  
  La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...