Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Sabato 25/12/2010
 
 

L’operetta di Lehár inaugura la stagione lirica

 
  (Archivio)  
 

Ricca vedova al Filarmonico di Verona

 
 
 
     
   
       
   
  “Innamorarsi sempre, fidanzarsi qualche volta, sposarsi mai!” è il motto che il conte Danilo ripete più volte nella celebre operetta musicata da Franz Lehár. Al giorno d’oggi verrebbe tradotto in un più opportuno “single/separati, ma non da soli!” visto che i coniugi sono molto più longevi e le vicende giudiziali di separazione interminabili.
In breve l'operetta racconta di come l’ambasciatore pontevedrino, barone Zeta, riesca a far sposare la ricca vedova Hanna Glavari con il conte Danilo, sua antica fiamma per salvare dalla bancarotta il piccolo stato. Nel frattempo si sviluppa il triangolo amoroso tra il barone, sua moglie Valencienne e Camille de Rossillon.
 
     
 

L’operetta debuttò al Theater an der Wien il 30 dicembre 1905, ma non può definirsi né viennese né parigina così come il suo compositore non può dirsi né ungherese né austriaco.
Die lustige Witwe, nella concezione registica proposta da Federico Tiezzi,  è ambientata in una Parigi “viennizzata”, sebbene tutta la vicenda faccia riferimento all’immaginario regno del Pontevedro. Pontevedro è l’emblema ideale dello stato imperiale che rimanda immediatamente al Montenegro e a Sarajevo nonché  allo scoppio della prima guerra mondiale  (anche se è superfluo chiedersi fino a che punto librettisti e musicisti fossero consapevoli del tasto che stavano toccando).
La scena veronese si è aperta su un’architettura che richiamava colori e linee dell’architettura della Repubblica di Weimar. Le didascalie a led rossi che passavano in verticale ed in orizzontale inoltre erano dei riferimenti diretti alla borsa: 29 ottobre 1929, FTSE Star, FTSE  All-Share. Un riferimento anche all’attuale situazione europea di Grecia e Irlanda? Chissà.
Da subito il pubblico è rimasto abbagliato dal sipario argento di proscenio e immediatamente dopo dallo sfarzo degli abiti di tutti i personaggi. Di certo bisogna riconoscere che Giovanna Buzzi e Silvia Bonetti, rispettivamente la costumista e la sua assistente, hanno fatto un ottimo lavoro.
Silvia dalla Benetta ha interpretato con molta classe la parte di Hanna Glawari: tutt’altro che allegro, il personaggio di Hanna può dirsi più sensibile e malinconico. Hanna è una donna padrona di sé e consapevole delle sue umili origini per le quali in gioventù si è vista abbandonata dal conte Danilo che ora la rivuole in considerazione del fatto che il divario sociale tra i due è diminuito: di certo lei non è diventata nobile, ma sicuramente è molto ricca. Silvia dalla Benetta  si è rivelata efficace interprete, oltre che cantante di classe, come esempio si può ricordare il suo ingresso a Chez Maxim, dove il suo incedere sicuro ha un po’ ricordato il carisma di Marilyn Monroe.
Bravo anche Gezim Myshketa al suo fianco nel ruolo del conte Danilo: fintamente stizzito, ma sufficientemente galante per riuscire a riconquistarla.
Divertentissimi Bruno Praticò e Gennaro Cannavacciuolo rispettivamente nelle parti del barone Zeta e di Njegus; l’intesa tra i due era perfetta per cui i tempi teatrali per creare le situazioni di comicità sono stati davvero molti ed il pubblico ha potuto apprezzare ogni risvolto spassoso.
Davinia Rodriguez nel ruolo di Valencienne era partita un po’ in sordina nel primo atto, ma, sentita la sua potenza di voce nel secondo e soprattutto nel finale del terzo atto, si può senza ombra di dubbio dedurre che abbia volutamente “risparmiato” le forze per avere uno splendido crescendo nel corso dello spettacolo. Molto  coinvolgente il suo duetto con Camillo nel secondo atto.
Simpatico il can can del terzo atto con lo sfondo di Chez Maxim con la coreografia di Giovanni Di Cicco riadattata dal Maria Grazia Garofoli per il corpo di ballo areniano. Qualche perplessità invece su abiti e coreografia della czarda del secondo atto, senz’altro più confacenti alla Sagra della Pirmavera che ad una danza di carattere ungherese.

Sonia Baccinelli 18 dicembre 2010

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/05/2008  
Un Attila minimalista conclude la stagione lirica al Filarmonico  
  La partitura giovanile di Giuseppe Verdi proposta in un allestimento e...  
     
  01/05/2008  
“Nixon in China” finalmente in Italia  
  La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...