Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Mercoledì 28/12/2011
 
 

Scarso pubblico per un'edizione senza idee del capolavoro verdiano

 
  (Archivio)  
 

Falstaff sotto tono al Filarmonico

 
 
 
     
   
       
   
  Al Teatro Filarmonico di Verona è andato in scena Falstaff, nuova produzione della fondazione Arena, affidata ad un team di esordienti, il regista Luca Guadagnino, la scenografa Francesca di Mottola e la costumista Anatonella Cannarozzi. Al di là dell'intento positivo di avvicinare all'opera creatori provenienti da altre discipline, in questo caso il cinema, l'operazione è risultata fallimentare su tutti i versanti.  
     
 

Citiamo Verdi: "Si tratta di commedia: musica, nota e parola, non cantabili, movimento scenico e molto brio". Ebbene niente di tutto questo si è visto l'altra sera al Teatro Filarmonico. I cantanti erano per lo più statici oppure si muovevano spaesati sul palcoscenico. La comicità era la grande assente della serata, tutti sembravano cantare senza aver presente il contenuto testuale di quello che stavano dicendo.
Il regista ha mancato di far recitare i cantanti ed ha ammorbato il tutto in un'atmosfera ibseniana in cui il brio richiesto da Verdi risultava essere un convitato di pietra mai destinato ad arrivare. La costumista Antionella Cannarozzi ha creato costumi vagamente ispirati agli anni settanta senza mai trovare idee originali, con alcuni costumi francamente brutti e soprattutto assolutamente slegati rispetto alla drammaturgia. La scenografia aveva qualche buona intenzione anche se non proprio originale, il tutto però si limitava ad un decoro di ispirazione eclettica in cui i pergolati si fondevano a rimandi orientali e a finte palme dall'effetto oleografico e stucchevole. Tutto si potrebbe perdonare se la commedia in musica fosse decollata, se gli interpreti fossero stati padroni del palco coinvolgendo il pubblico nel grande teatro creato da Boito e Verdi, parola e musica lo ripetiamo, niente di tutto ciò è accaduto, probabilmente troppa l'inesperienza del regista e degli interpreti. Il teatro perciò è rimasto il grande assente.

Degli interpreti c'è purtroppo poco da dire, dal punto di vista scenico non siamo in grado di salvare nessuno, tutti risultavano statici e impacciati e nel migliore dei casi si salvavano in pose artefatte degne del miglior teatro ottocentesco. Dal punto vista vocale una lode va a Vittorio Vitelli interprete di Ford, cantante solido e dalla buona tecnica che ha anche ben interpretato il suo pezzo solista, non possiamo chiamarla aria, "E' sogno? o realtà?". Si difende bene Elisabetta Fiorillo nella parte di Quickly, sfoggiando una voce salda e timbrata.
Insufficiente il Falsatff di Leonardo Lopez Linares che canta senza interpretare, con linee generiche e un fraseggio inconsistente. Inadatti tutti gli altri particolarmente nelle parti di insieme che risultavano scialbe e senza brio. Giuseppe la Malfa ha diretto con poca attenzione agli equilibri fra buca e palcoscenico.

Un teatro Filarmonico desolatamente vuoto ha applaudito con frettolosa cortesia.

Raffaello Malesci (22/12/11)
 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
 
 
 
 
     
  01/05/2008  
Un Attila minimalista conclude la stagione lirica al Filarmonico  
  La partitura giovanile di Giuseppe Verdi proposta in un allestimento e...  
     
  01/05/2008  
“Nixon in China” finalmente in Italia  
  La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...