Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Domenica 09/12/2012
 
 

Convince Mythos, lo spettacolo allestito da Elena Bucci e Marco Sgrosso con 17 giovani attori bresciani

 
  (Archivio)  
 

In 17 per il mito di Oreste

 
 
 
     
   
       
   
  La necessità aguzza l’ingegno, o più semplicemente induce ad intraprendere strade che, per pigrizia o per abitudine si era dimenticato di percorrere.
Che tra i doveri di un Teatro Stabile vi sia quello di lavorare anche sul territorio, creando occasioni che possano servire da laboratorio/fucina di nuove leve e costituire occasione di arricchimento del panorama teatrale è sacrosanto. Che poi in Italia da svariati lustri non lo faccia praticamente nessuno e che quando accade venga salutato come un nuovo rinascimento è fenomeno che si commenta da solo.
 
     
 

Sta di fatto che il Centro Teatrale Bresciano ha scelto di affidare la sua seconda produzione ai validi Elena Bucci e Marco Sgrosso che, stavolta solo in veste di registi, hanno allestito uno spettacolo ispirato alla tragedia greca con 17 giovani attori provenienti da selezioni sul territorio bresciano e che ha debuttato al Teatro Sociale il 4 dicembre.
La preoccupazione che il titolo Mythos e la pluralità di autori chiamati in causa racchiudesse il solito laboratorio-minestrone in cui spesso i giovani attori vengono coinvolti si è rivelata totalmente ingiustificata. La drammaturgia, curata dagli stessi registi, che ha come protagonista la figura di Oreste e sfrutta  quindi come ossatura l’omonima trilogia di Eschilo, è tanto solida quanto efficace ed anche le interpolazioni provenienti da altre tragedie di Sofocle ed Euripide, sempre legate al ciclo degli Atridi, hanno contribuito a creare un tessuto  omogeneo che ha consentito di dipanare la vicenda in modo chiaro e lineare.
Dal punto di vista registico la scelta vincente è stata quella di lavorare sul gruppo, recuperando alcune peculiarità della tragedia classica quali il canto e la musica eseguita in scena tramite l’ausilio di percussioni suonate dagli attori stessi, scelta che è servita ad amalgamare ancora di più le singole individualità. Il risultato finale è stato quello di uno spettacolo che ha offerto momenti particolarmente intensi e di grande coinvolgimento, grazie soprattutto all’energia ed all’affiatamento dei ragazzi in scena.
Ad una prima parte estremamente ritmata,  in cui era protagonista il coro con le sue suggestioni e le sue coreografie, ha fatto seguito il momento indubbiamente più efficace dello spettacolo ovvero quello della doppia morte di Agamennone e Clitemnestra, grazie anche al buon livello dei tre attori che interpretavano i due protagonisti ed il figlio Oreste. Il finale invece è stato caratterizzato da un calo di tensione, dovuto in buona parte alla difficoltà di un testo come le Eumenidi, il cui intento più che drammatico è didascalico e politico. Forse qualche ulteriore taglio  avrebbe aiutato a chiudere in modo più incisivo, ma si tratta di peccato veniale.
Nonostante all’interno del gruppo siano emerse differenze di esperienza e di talento individuale,  un applauso va dedicato a ciascuno dei singoli interpreti, ovvero Matteo Bertuetti, Fabrizia Boffelli, Fausto Cabra, Francesca Cecala, Monica Ceccardi, Loredana De Luca, Lorenzo De Luca, Filippo Garlanda, Alessandra Mattei, Ermanno nardi, Marta Ossoli, Antonio Palazzo, Gianmarco Pellecchia, Silvia Quarantini, Gabriele Reboni, Miriam Scalmana ed Elena Strada.
Resta a questo punto l’ultimo interrogativo, ovvero se produzioni di questo genere siano destinate a restare l’eccezione oppure a diventare la regola. Io una risposta me la sono già data, ma mi piacerebbe essere smentito.

Davide Cornacchione 6 dicembre 2012

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
 
 
 
 
 
     
  04/05/2008  
Una badante tra passato ed attualità  
  Nell’ultimo testo di Cesare Lievi convivono la quotidiana realtà del m...  
     
  28/04/2008  
La Concessione del Telefono. Il Teatro Stabile di Catania chiude la stagione del CTB con il miglior spettacolo presentato quest’anno a Brescia.  
   
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Brescia
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...