Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Mercoledì 09/04/2014
 
 

Un balletto reinventato in stile moderno-contemporaneo

 
  (Archivio)  
 

Karl Alfred Schneider trionfa a Cremona con la sua nuova versione della Bella Addormentata

 
 
 
     
   
       
   
  La Bella Addormentata che ha aperto la stagione di balletto del teatro Ponchielli di Cremona è stata davvero innovativa e fuori dal comune. La coreografia di Karl Alfred Schneider è stata divertente e mai banale, né nella vicenda, né nelle sequenze danzate. La celebre storia di Perrault è stata riscritta drammaturgicamente da Micheal Otto per i nostri giorni: una giovane coppia ricca non può avere figli e la moglie, nel timore di perdere gli agi acquisti dopo aver contratto un ricco matrimonio, decide di ingannare il marito comprando la bambina dalla colf.  
     
 

I punti cardine della storia coreografata da Petipa vengono sostanzialmente rispettati, anche se la chiave di lettura è stata davvero imprevedibile. La festa per il battesimo di Aurora si svolge senza il corteo di fate che elargiscono doni, dato che la bambina, tutto sommato, non necessita di nulla, ma con una divertentissima caccia al pavone da parte dei cuochi e dei domestici di palazzo che inseguono il povero pennuto come Lupo Alberto insegue Marta nei fumetti.
La bambina cresce serena passando interi pomeriggi in giardino con la madre che le legge le favole. Ad un certo punto, la giovane principessa si ritrova a dover scegliere tra i suoi quattro pretendenti al matrimonio tirati a lucido come stalloni pronti per una parata con tanto di coccarde e numero di gara. Come molti degli uomini di oggi, questi aspiranti principi, in realtà non hanno assolutamente nulla da offrire ad una donna che di suo ha già tutto e quindi la ragazza fa inevitabilmente arrabbiare il padre che a sua volta litiga con la consorte scatenando anche una ridicolissima rissa tra gli invitati che si schierano chi con l’uno chi con l’altra. La vera madre di Aurora, che in realtà si era da subito pentita di aver ceduto la neonata alla padrona, avvelena gli ospiti con delle rose gettandoli in un sonno mortale. Anche Aurora stringe a sé una delle rose e si addormenta proprio prima dell’arrivo del ritardatario principe Desireè (perché ormai, si sa che sono gli uomini che si fanno attendere!).
Il quadro del secondo atto, ovvero quello del bosco, viene ambientato da Schneider in una foresta spettrale, nella quale il colore dominante è il nero, anziché il verde o il rosa al quale eravamo abituati da Petipa o Nureyev e gli alberi, avvinghiati tra loro in lunghe catene umane, sembrano più morti che vivi, pur nel tentativo di catturare Aurora e Desireè. Anche qui comunque Schneider non perde occasione per rispettare la tradizione russa inserendo il momento della mosca cieca.
Il terzo atto termina con il lieto fine e l’invito a corte di molti più personaggi delle fiabe di Perrault rispetto a quanto già non avesse fatto Petipa: oltre a Cappuccetto Rosso e il Lupo, il Gatto con gli Stivali, ecco arrivare anche Biancaneve e il Settimo Nano, il Principe Ranocchio, Cenerentola e le Sorellastre, tutti coinvolti in divertentissime gag che hanno davvero coinvolto il pubblico che ha applaudito più volte a scena aperta.
Davvero bravi tutti gli interpreti. In particolare, Aina Cloastermann è risultata particolarmente elegante e raffinata nei panni della regina, tanto che la sua figura spiccava tra tutti i ballerini anche in accademico nero nel quadro del bosco. Davvero divertente Anna Calvo nell’interpretazione del pavone in apertura di spettacolo. Sufficientemente perfida Natalia Palshina in Carabosse, anche se la coreografia non le ha dato la possibilità di esprimere al meglio le sue capacità. Meno convincente infine la protagonista, Rita Barão Soares come Aurora: la sua figura è risultata spesso corta e con le spalle troppo larghe, quasi maschile per certi versi.
Davvero splendidi i costumi ideati da Alfred Mayerhofer per tutti i personaggi; efficaci e mai eccessive le scene di Julia Müer.

Sonia Baccinelli  9 febbraio 2014

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
 
 
 
 
     
  04/05/2008  
Una badante tra passato ed attualità  
  Nell’ultimo testo di Cesare Lievi convivono la quotidiana realtà del m...  
     
  28/04/2008  
La Concessione del Telefono. Il Teatro Stabile di Catania chiude la stagione del CTB con il miglior spettacolo presentato quest’anno a Brescia.  
   
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Cremona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...