Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Venerdì 16/05/2014
 
 

Al Teatro Sociale il debutto del capolavoro pirandelliano chiude la stagione del CTB

 
  (Archivio)  
 

Branciaroli autentico Enrico IV in una mondo di attori

 
 
 
     
   
       
   
  Per la sua terza produzione targata Centro Teatrale Bresciano Franco Branciaroli ha scelto di proseguire il suo percorso sulla figura dell’attore, iniziato con Servo di scena e proseguito con Il teatrante, confrontandosi con il Pirandello di Enrico IV, uno dei testi in cui vita vera e recitazione più si compenetrano e si confondono.  
     
 

La linea interpretativa scelta da Branciaroli, nella duplice veste di protagonista e regista, è quella di suddividere lo spettacolo in due parti molto nette: la prima, quella in cui i vari personaggi si presentano a casa di Enrico, giocata su toni caricati ed una recitazione molto esteriore, mentre la seconda,  dominata dal lungo monologo in cui il protagonista svela la sua finzione, più naturalistica ed introspettiva.
Enrico appare quindi come l’unico uomo vero, costretto a rifugiarsi nella sua recita per sfuggire ad un mondo falso, ipocrita, popolato da maschere stereotipate, da attori mediocri che non escono mai dal loro carattere, preoccupati ad ascoltare solo loro stessi ed indifferenti a quanto li circonda.
Lettura interessante ma la cui realizzazione, soprattutto nella prima parte, non risulta priva di difficoltà. Sostenere infatti per oltre un’ora un testo come quello di Enrico IV su toni costantemente spinti, quasi esasperati, non è impresa facile, il rischio è che dopo un po’ tutto si livelli e diventi difficile sottolineare eventuali cambiamenti di registro. Non a caso lo stesso Branciaroli, che entra in scena dopo circa un’ora di recitazione giocata sempre su toni molto sostenuti, è costretto a caricare ulteriormente il suo personaggio per poter sembrare ancora più pazzo ed ancora più “attore” rispetto alla finzione cui fino a quel punto avevamo assistito.
Gli attori che lo accompagnano in questa recita si disimpegnano tutti con professionalità ma con differenti livelli di efficacia. L’interpretazione migliore e più compiuta è sicuramente quella dell’ottima Melania Giglio, che costruisce una Marchesa Spina tanto artefatta nella parola quanto impostata nella gestualità, ma sempre incisiva sulla scena.
Efficaci ma meno icastici nei loro personaggi Giorgio Lanza (Belcredi), Antonio Zanoletti (il medico), Valentina Violo (Frida) e Tommaso Cardarelli (Carlo).
Funzionali ma non particolarmente incisivi i quattro servi di Enrico ai quali si affianca Daniele Griggio nel ruolo-cameo del cameriere Giovanni.
Branciaroli che, se nella sua apparizione del primo atto aveva suscitato qualche perplessità, sfoggia la sua caratura di attore in un secondo atto di grande intensità, regalandoci un Enrico malinconico, umano, vero, grazie ad un’interpretazione ricca di accenti e sfumature.
Belle, colorate e teatrali e un po’ ronconiane le scenografie di Margherita Palli, qui anche costumista, che mutano a vista in cambi scena contrappuntati da musiche di autori contemporanei tra cui spiccano Pärt e Nyman.
Positiva la risposta del pubblico che ha mostrato il proprio apprezzamento tributando lunghi applausi al termine della rappresentazione.

Davide Cornacchione 13/05/2014

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  04/05/2008  
Una badante tra passato ed attualità  
  Nell’ultimo testo di Cesare Lievi convivono la quotidiana realtà del m...  
     
  28/04/2008  
La Concessione del Telefono. Il Teatro Stabile di Catania chiude la stagione del CTB con il miglior spettacolo presentato quest’anno a Brescia.  
   
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Brescia
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...