Lago-di-Garda.NET - navigare nell'informazione del Garda
Recensioni
       
 
Spettacoli > leggi le recensioni
   
Spettacoli
  Recensioni e commenti e approfondimenti su spettacoli teatrali
 
       
 
Musica > leggi le recensioni
   
Musica
  Recensioni e commenti sugli eventi musicali a livello locale e nazionale
 
       
 
Libri > leggi le recensioni
   
Libri
  Recensioni e commenti dal mondo dell’editoria
 
       
 
Cinema > leggi le recensioni
   
Cinema
  Recensioni dei film in sala e in home video
 
       
 
Scienza > leggi le recensioni
   
Scienza
  Commenti e approfondimenti dal mondo scientifico
 
       
 
Curiosità > leggi le recensioni
   
Curiosità
 
 
 
 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
Banner ITS, siti web con elevata visibilità sui motori di ricerca. www.itsol.it
 
Banner LIBRERIA LA FENICE. A Brescia vende Libri antichi e fuori catalogo. accedi al sito web www.librerialafenice.it
 
Broker internazionale commercio metalli ferrosi e non ferrosi
 
Il Nodo Video: produzione audiovisivi



 
     
   
   
                       
  Invia d un amico Invia ad un amico   Stampa la pagina Stampa   Aggingi ai preferiti Aggiungi ai preferiti   Aggingi ai preferiti Feed Rss
                       
     
 
Lunedì 19/09/2016
 
 

La London Symphony Orchestra diretta da Noseda inaugura trionfalmente il Settembre dell’Accademia con musiche di Wagner, Debussy e Rachmaninov

 
  (Archivio)  
 

Dal romanticismo all’impressionismo

 
 
 
     
   
       
   
  Programma decisamente desueto quello proposto dalla London Symphony Orchestra diretta da Gianandrea Noseda per il concerto inaugurale della venticinquesima stagione del Settembre dell’Accademia; tre partiture di non frequente esecuzione, almeno sui palcoscenici italiani, e molto differenti tra loro. A voler cercare un filo conduttore, questo si può trovare nel rapporto di alcuni compositori del primo ‘900 con  il wagnerismo, visto come spartiacque e modello da superare,  categoria cui appartengono anche Debussy e, in misura minore, Rachmaninov.  
     
 

Il primo brano in programma era infatti l’ouverture dai Meistersinger, forse uno dei brani più rappresentativi ed allo stesso tempo più estroversi di Richard Wagner, che Noseda ha diretto con grande trasporto, esaltandone le sonorità turgide, preferendo ad una lettura analitica un’impronta più marcatamente teatrale.
Alla grandiosità wagneriana hanno fatto seguito le atmosfere rarefatte del poema sinfonico La mer di Claude Debussy. In questo caso lo scavo all’interno della partitura da parte di Noseda è stato quasi capillare, grazie anche ad un’orchestra in forma smagliante che ne ha assecondato ogni minimo accenno, ostentando una straordinaria tavolozza di colori e dimostrandosi  estremamente duttile nel continuo cambiamento di timbri e dinamiche,
L’accostamento dei brani ha permesso di cogliere in maniera ancora più evidente il lavoro di Debussy per reinterpretare e superare la tradizione romantica esaltandone i contrasti ma lasciando trapelare anche qualche eredità.
Dei tre brani in programma la palma del meno eseguito va comunque assegnata alla seconda Sinfonia di Sergej Rachmaninov che costituiva la seconda parte del programma.
Contrariamente a Debussy ed a molti suoi contemporanei, Rachmaninov sembra non aver mai superato il romanticismo, anzi, sembra essersi rifugiato in esso, maturando un o stile che si rivolge alla musica russa ed in particolare a Čajkovskij, le cui influenze risaltano particolarmente in questa composizione.
La grande inventiva tematica compensa in parte la mancanza di una vera e propria struttura formale, soprattutto negli ultimi due movimenti che risultano essere i più deboli di questa sinfonia, che per alcuni versi si potrebbe definire più una rapsodia.
Nonostante questi limiti Noseda ne fornisce una lettura estremamente coinvolgente, assecondandone la vena melodica e accompagnandone con grande misura lo sviluppo.
Se ne”La mer” avevamo avuto modo di apprezzare l’eccellente livello di legni ed ottoni, in questo brano sono gli archi della London Symphony ad emergere per morbidezza e intensità di suono.
Normalmente l’eclettismo di questa orchestra, che passa disinvoltamente dalla classica alle colonne sonore o ai jingle pubblicitari, la porta ad avere un suono impeccabile ma lucidamente distaccato. In quest’occasione invece, complici il repertorio ed il calore italiano sul podio, oltre all’eccezionale caratura tecnica abbiamo avuto modo di apprezzarne anche l’intensità e la partecipazione emotiva.
Al termine le ripetute richieste di un pubblico entusiasta e della stessa orchestra hanno convinto Noseda a tornare sul podio per un veloce danza dallo Schiaccianoci di Čajkovskij.

Davide Cornacchione 7/9/2016

 

 
Aggiungi a Del.icio.us Aggiungi a digg Aggiungi a Facebook Aggiungi a FURL Aggiungi a Google Bookmarks Aggiungi a SphereIt Aggiungi a Spurl Aggiungi a Technorati Aggiungi a Yahoo My Web Aggiungi a OK Notizie
     
   
     
     
   
     

 
Banner IL NODO TEATRO: produzione spettacoli teatrali in tutto il nord Italia. Organizzazione rassegne e corsi di teatro. www.ilnodo.com
 
 
 
 
 
     
  01/05/2008  
Un Attila minimalista conclude la stagione lirica al Filarmonico  
  La partitura giovanile di Giuseppe Verdi proposta in un allestimento e...  
     
  01/05/2008  
“Nixon in China” finalmente in Italia  
  La Fondazione Arena di Verona ha allestito con successo la prima rappr...  
   
 
 
 
   
  Scopri tutte le informazioni sul comune di Verona
   
 
Eventi sul Lago di Garda  
  Scopri tutti gli eventi e le manifestazioni culturali...  
     
Luoghi e locali  
  Trova il tuo albergo, ristorante, i locali per
il tempo libero...
 
     
Recensioni  
  Leggi tutte le recensioni che abbiamo...